ECO ABITARE

L’EDILIZIA ECOCOMPATIBILE NON E’ PIU’ UN MIRAGGIO

La casa rappresenta, per antonomasia, il luogo in cui trascorriamo la maggior parte del nostro tempo libero, quello in cui stiamo con la famiglia, in cui decidiamo cosa fare e come vivere. In sostanza è il luogo che più di qualsiasi altro deve essere sano, armonico e magari anche sostenibile. Perché sostenibilità si traduce nell’utilizzo di materiali che rispettano la natura permettendo un effettivo risparmio energetico e minor costi di manutenzione. Un nuovo ed etico modo di abitare!

Le proposte per abitare ecosostenibile sono infinite e per tutte le tasche. Il “ BioAbitare” non è solo qualcosa alla portata della classe medio – alta come ci vogliono far credere i media.

 E’ possibile vivere in una casa rispettosa – o quanto più rispettosa possibile – dell’ambiente, se solo si adottassero dei piccoli accorgimenti:

Prendiamo, ad esempio, le pareti. Per prima cosa, evitiamo di piastrellare tutta la cucina e il bagno, ché i muri debbono “respirare”. La vernice, poi, dovrebbe essere ad acqua ed ecologica, perché così si possono ottenere due vantaggi: la traspirazione delle pareti e l’assenza di sostanze tossiche.

Quanto al pavimento, il materiale per i parquet dovrebbe essere scelto fra i legni nazionali, invece che fra quelli d’importazione, giacché i legni esteri (spesso africani o asiatici) sono trattati con antiparassitari. La posa, poi, dovrebb’essere eseguita a incastro, senza l’ausilio di colle, che sono tra le maggiori fonti d’inquinamento domestico.Per pulire il parquet, meglio impiegare trattamenti ecologici appositi (i negozi di ferramenta e fai-da-te ne sono certamente forniti), piuttosto che le solite vernici.

E riguardo agli elettrodomestici? Frigoriferi, lavatrici e televisioni a basso consumo sono oggi in commercio a prezzi relativamente abbordabili. Molti, però, penseranno ai possibili danni provocati dai campi elettromagnetici. Nessun paura: il 99 per cento degli elettrodomestici non dà problemi di alcun tipo al di fuori del raggio d’un metro. Attenzione, invece, a telefoni cellulari e radiosveglie: meglio tenerle fuori dalla camera da letto.

Infine, un rapido sguardo all’arredamento. Se non ci si può permettere il legno massello, una buona alternativa sono i pannelli di compensato o di legno lamellare, purché siano costruiti e trattati con criteri di compatibilità.

Perciò non serve essere uno sceicco milionario per salvaguardare la nostra casa e il nostro mondo. Basta partire da poco e avremo già fatto tantissimo!